Image 1 of 0

Site logo




" Nelle immagini di Filippo Fior succede sempre qualcosa. Fior vive insistentemente,freneticamente, quasi ossessivamente la sua elettrizzata ispirazione, avvalendosi di una sensibilità da indovino ai tanti misteri e paradossi nascosti per le strade o nelle stanze, e senza bisogno di indagare troppo cervelloticamente, senza elucubrazioni o rimaneggiamenti, fulminea come un aforisma arriva la sua idea, grottesca, spudorata, impietosa, che fa vibrare un sentimento non ancora sentito, e suggerisce un pensiero non ancora pensato.
La sua fotografia è una folgorazione profetica, un baleno, la rivelazione di un segreto recondito, il disvelamento di quell’intimità che cose e persone ci nascondono: nello spazio ristretto di una cucina, o in quello sconfinato del cielo o di una campagna, come davanti (o dietro?) ad una persona la curiosità di Filippo Fior fruga dappertutto, si agita, scalpita, si scatena, e rapidamente lascia partire una raffica di intuizioni originali, baciate dall’inconfondibile classe dell’artista ".

- Peppe Cavallari, poeta


Filippo fior Fior nasce il 7 settembre 1977 a Johannesburg, Sud-Africa. Madrelingua inglese ed italiano.

Da luglio 2002: fotografo per servizi matrimoniali, di architettura, industriale e generici
Da ottobre 2003 - fotografo freelance dell'agenzia Grazia Neri di Milano.
Da giugno 2007: fotografo collaboratore dello Studio Biasion.
Da settembre 2009: fotografo dello studio Viero-Zanoni per Collezioni.
Da settembre 2010: collaboratore gorunway.com.
Clients
fausto puglisi, anthony vaccarello, christophe lemaire, juacquemus, sara battaglia, claudia baldazzi, ground zero, masha ma, jonathan saunders, mugler, acqua panna, damir doma, nestlè, mazucchelli 1849, moschino, harmont&blaine, leonard, devastèe, besanopoli, pringle of scotland, burberry, terre moretti, lungarotti, paul smith




" Nelle immagini di Filippo Fior succede sempre qualcosa. Fior vive insistentemente,freneticamente, quasi ossessivamente la sua elettrizzata ispirazione, avvalendosi di una sensibilità da indovino ai tanti misteri e paradossi nascosti per le strade o nelle stanze, e senza bisogno di indagare troppo cervelloticamente, senza elucubrazioni o rimaneggiamenti, fulminea come un aforisma arriva la sua idea, grottesca, spudorata, impietosa, che fa vibrare un sentimento non ancora sentito, e suggerisce un pensiero non ancora pensato.
La sua fotografia è una folgorazione profetica, un baleno, la rivelazione di un segreto recondito, il disvelamento di quell’intimità che cose e persone ci nascondono: nello spazio ristretto di una cucina, o in quello sconfinato del cielo o di una campagna, come davanti (o dietro?) ad una persona la curiosità di Filippo Fior fruga dappertutto, si agita, scalpita, si scatena, e rapidamente lascia partire una raffica di intuizioni originali, baciate dall’inconfondibile classe dell’artista ".

- Peppe Cavallari, poeta


Filippo fior Fior nasce il 7 settembre 1977 a Johannesburg, Sud-Africa. Madrelingua inglese ed italiano.

Da luglio 2002: fotografo per servizi matrimoniali, di architettura, industriale e generici
Da ottobre 2003 - fotografo freelance dell'agenzia Grazia Neri di Milano.
Da giugno 2007: fotografo collaboratore dello Studio Biasion.
Da settembre 2009: fotografo dello studio Viero-Zanoni per Collezioni.
Da ottobre 2009: fotografo www.pixelformula.com.
Da settembre 2010: collaboratore Gorunway per Vogue.it e Style.com.
Clients
mugler, acqua panna, damir doma, nestlè, mazucchelli 1849, moschino, harmont&blaine, leonard, devastèe, mywalit, besanopoli, pringle of scotland, burberry, terre moretti, Lungarotti, Paul Smith

Filippo Fior

photography

© filippo fior 2013    flickr   tuscanylandscapes.com    fppfior@gmail.com